#4 – Crypt of the Damned

Dungeon precedente: Shrine of Strength.

Prerequisiti: Nessuno.

Obiettivo: Uccidi tutti i nemici.

Introduzione: 

La dichiarazione del comandante dei banditi di un “Gloom” ci preoccupa, quindi iniziamo ad indagare lungo il fiume Still, posto che sembra essere di interesse per questi fanatici negromanti… 

Ad un tratto ci sorprendiamo nel trovare una cripta mezza coperta da muschi ed edera. La storia di questo posto è vecchia ed oscura. Senza pensarci ulteriormente, ci addentriamo nel sottosuolo. 

Qualsiasi cosa questi banditi stessero escogitando, li vogliamo fermare, soprattutto dopo aver visto un grande gruppo di banditi e non morti alla fine delle scale. 

“Avete sbagliato a venire qui” dice un bandito. Ma noi non siamo d’accordo, siamo proprio dove vogliamo essere! 

——-(1)——- 

Spacchiamo la porta pensando di essere pronti a tutto. Davanti a noi si staglia una creatura demoniaca fatta di energia elementale. Siamo scossi, come se a questi banditi non bastasse animare i morti…. 

————- 

Conclusione: 

È chiaro che abbiamo interrotto un rituale. Questi demoni elementali appartengono a tutt’altro piano, ma i cultisti sono riusciti a portarli nel nostro in qualche modo… 

Sull’altare nel retro della stanza ci sono degli appunti sul rituale. Non tutte le scritte sono leggibili ma capiamo che questa cripta è un posto di potere usato da una antica civiltà. 

Questa civiltà utilizzava il potere degli elementali per allungare la propria vita, e visto che non si sa più nulla di quella civiltà, è chiaro che non abbia fatto una bella fine… 

Tra gli appunti trovi delle note di un paio di altri luoghi di potere nell’area: uno sembra essere molto usato dal culto, mentre l’altro è segnato come invaso dai non morti. 

Abbiamo quindi l’opportunità di bloccare ulteriormente i loro piani ( 5 ) oppure entrare nelle loro grazie pulendo il secondo luogo dai non morti ( 6 ).

Versione breve

Dungeon sbloccati: Ruinous Crypt ( 5 ); Decaying Crypt ( 6 ).

Prossimo dungeon scelto: Ruinous Crypt.